Come pulire lo zenzero

Lo zenzero è un’autentica panacea: antiossidante, antinfiammatorio, disintossicante e persino analgesico. In più, è un toccasana per chi soffre frequentemente di nausea, mal di gola e problemi digestivi.

Si può utilizzare in moltissimi modi, a pezzetti, grattuggiato o a listarelle, ma la prima cosa da fare per aggiungerlo a qualsiasi ricetta è pulirlo!

Per pulire lo zenzero puoi procedere in due modi.

Conservare la buccia o no?

Prima di pulire lo zenzero, scegli innanzitutto se desideri conservarne la buccia: è ricca di proprietà, ma risulta più dura e difficile da lavorare.

Se non desideri sbucciarlo ma eliminarne solo i residui di terra, puoi semplicemente lavarlo con l’aiuto di una spazzola in fibre cocco, perfetta per pulire le verdure, le radici e i tuberi. Oppure, dopo averlo lavato, puoi munirti di un cucchiaino o di un coltello e raschiarne delicatamente la superficie, così da rimuovere la buccia e utilizzare unicamente la parte fresca della radice.

Puoi aggiungerlo, con o senza buccia, in moltissimi estratti. Il nostro preferito? Questo short rigenerante!

in News by

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *